AUSTRALIA

Questa è la poesia che chiude la raccolta Australien di Jan Wagner (Berlin Verlag 2010):

australia

cominciammo a mezzogiorno:
dove il ponte si perdeva nell’incolto, 
da lontano l’autostrada;
attraverso un caleidoscopio 

di cocci di bottiglie, 
un radicato intreccio di gramigna 
e vecchi tappeti; nascosti
dietro al fiumiciattolo,

il tubo di scarico con la sua biblica
oscurità e per tutta predica 
il rivolo modesto.
scavammo, dietro cespugli di biancospino,

dietro la colonia di canne, la paleontologica carcassa 
d'automobile ingoiata dalla melma
come un fossile. un pallone aero-
statico 

passò temerario di là dall’abitato
con una pubblicità di birra 
o marmellata,
e tutt’intorno le sanguisughe nero- 

lucido di vecchi pneumatici, gonfi  
di fango e acqua piovana,
le latte di pittura sfondate
e abbandonate.

noi scavavamo; un grillo si zittì 
e una coppia di merli saltellò nervosa 
intorno a un rastrello arrugginito,
l’artiglio di un uccello più grande.

quanto ancora, prima che ci trovassimo 
alle prese con la roccia, con strati
di carbone e minerali 
ferrosi? quanto ancora, prima che da qualche parte

un koala sentisse smuovere la terra,
per poi vedere qualcosa di strano:
un buco nel terreno, due ragazzini
impiastricciati che provarono

a contare fino a dieci, poi scomparvero 
nel mito della sera giallo-senape, dove 
stava piantata una vanga sul bordo  
come un’asta di bandiera.
australien

wir fingen mittags an:
wo sich die brücke in die brache
verlor, von fern die autobahn;
durch ein kaleidoskop zerbroche-

ner flaschen,
ein wurzelwerk von quecken 
und alten teppichen; versteckt
hinter dem flüßchen,

dem abwasserrohr mit seinem biblischen
dunkel und dem schlichten
rinnsal, das es predigte.
Wir gruben, hinter weißdornbüschen,

der kolonie von schilf, das paläon-
tologische autowrack, wie ein fossil
von lehm verschluckt. ein fessel-
ballon

mit seiner werbung für bier 
oder gelee
zog kühn jenseits der siedlung vorüber,
und ringsherum die glänzend schwarzen egel

entsorgter reifen, vollgesogen
mit schlamm und regenwasser,
die farbkanister, zerschlagen
und liegegelassen.

wir gruben; eine grille
verstummte und ein amselpärchen
hüpfte nervös um einen rostigen rechen,
die größere vogelkralle.

wie lange, bis wir es mit felsen
zu tun bekommen würden, kohle-
flözen
und erz? wie lange noch, bis irgendwo ein koala

die erde sich bewegen spürte,
um etwas seltsames zu sehen:
ein loch im boden, zwei verschmierte 
jungen, die bis zehn

zu zählen versuchten, dann
verschwanden in dem mythischen, dem most-
richgelben abend, wo am rand
ein spaten steckte wie ein fahnenmast.

Cominciamo a scavare.

(Per informazioni su Jan Wagner e altre poesie: qui, qui e qui.)

6 pensieri riguardo “AUSTRALIA”

  1. Tra mezzogiorno e il tramonto (della vita per ricordare).
    Ha già scavato Jan, e una vanga/bandiera per segnalarlo. Molti anni indietro, ed erano almeno in due, amici. Australia come miniera, sia a cielo aperto sia del profondo, del passato. Resti e roccia ferrosa. Tanto è, a guardare indietro, e dentro.

    Piace a 1 persona

      1. Be’ sì, quando scrive ha passato il mezzo del cammin. Però io non ho avuto l’impressione (questione di impressioni, non c’è nulla che decida in un senso o nell’altro) che parlasse del suo passato. Mi è sembrato che parlasse di due ragazzini che hanno fatto una cosa che può essere sempre rifatta. Tanto più che i luoghi come quello descritto non mancano. Poi fra la terzultima e la penultima strofa c’è un cambio di modi/tempi verbali che nella traduzione sparisce un po’: quanto tempo ancora prima che ci trovassimo… (futuro ipotetico, congiuntivo); ma dal koala in poi i verbi sono all’indicativo preterito, cioè cosa avvenuta realmente. Cioé: prima i ragazzini si chiedono quanto tempo ci vorrà prima di arrivare (eventualmente, ma il lettore sa che è una fantasia di bambini) ai giacimenti di carbone; poi il poeta si chiede quanto tempo c’è voluto, prima che un koala sentisse ecc. (ma nella realtà dell’indicativo). Io non credo che Wagner veda la faccenda dalla prospettiva dell’età di ragione (e rassegnazione), ma piuttosto come una possibilità sempre aperta. Poi naturalmente lui è tedesco, quindi o di drif o di draf un nipotino di E.T.A. Hoffmann, di quelli che si conquistano un feudo in Atlantide…

        "Mi piace"

      2. A me è solo sembrata, a un certo punto in cui scrivevo, una riflessione sulla forma/materia del ricordo, soprattutto nella opposizione tra la miniera di resti abbandonati a cielo aperto e l’intenzione di arrivare alla roccia e alla fermezza del ferro. Raggiunta per altro, se no, come si può ancora andare avanti?

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...