Esercizio di tolleranza

Jezabel
La ministra De Micheli vista da Lamillo Cangone

Volete esercitarvi a essere tolleranti, a dirvi che ognuno ha diritto di esprimere le proprie opinioni, a reprimere l’impulso di affogare i cattolici radicali in una botte di lambrusco? Volete mettere alla prova la vostra imperturbabilità, l’equilibrio zen, l’equanimità del saggio? Volete dirvi che come Dio ha pensato bene di creare le zanzare, così evidentemente ritiene giusto che esistano individui insignificanti e fastidiosi, che a differenza delle zanzare non hanno neanche la scusa di posizionarsi in qualche utile punto della catena alimentare?

Se sì, leggete Lamillo Cangone:

“Contro la De Micheli. Il potere dato alle donne è antibiblico

Non condivido l’entusiasmo dei collaboratori del ministro. Credo in un Dio Padre onnipotente, non madre

Sono lì che bevo il mio Lambrusco e si avvicina qualcuno che si presenta come collaboratore del ministro De Micheli e io mi ricordo un ministro De Michelis, con la S, ma purtroppo è morto, oltre che un editore De Michelis, mio editore Marsilio, purtroppo morto anche lui, e conosco un altro editore De Michelis, il figlio, che grazie a Dio è vivo ed è mio editore tuttora. Lui, il collaboratore, mi informa compiaciuto che il ministro è una ministra e sarebbe la prima volta nella storia del dicastero. Non posso condividere l’entusiasmo, da lettore di Costanza Miriano e da credente in Dio Padre onnipotente: Padre, non madre. Un potente di sesso femminile (ammesso che il ministro di un governo italiano sia un potente) mi appare antibiblico, antimaschile.”

 

Tanto per incominciare sono tutte balle. Voglio dire che il Lamillo sia stato avvicinato da un collaboratore del ministro De Micheli. Non ci credo. Cosa mai dovrebbe volere uno del Ministero Infrastrutture e Trasporti da Lamillo Cangone? La medaglietta di San Cristoforo? Ha l’aria di una balla, ma così può parlare della Ministra e pure sentirsi tanto ibam forte via Sacra (“Sono lì che bevo il mio Lambrusco…” wow!)

Però veniamo a sapere delle cose interessanti. Per esempio ci viene confermato che il suo editore è Marsilio, quindi, come già raccomandato, BOICOTTATE L’EDITORE MARSILIO!

Inoltre ricaviamo delle informazioni sullo spessore culturale del Cangone: è un lettore di Costanza Miriano (per chi non lo sapesse, l’autrice di Sposati e sii sottomessa – sul serio, non per scherzo). Livelli alti. Detto questo, sembrerebbe, detto tutto.

Ma no invece, c’è ancora qualcosa. Cangone crede in Dio Padre onnipotente: “Padre, non madre”. E fa bene, perché il Pontefice che osò affermare che Dio è anche Madre non durò a lungo.

In una cosa però ci prende: quando dice che un potente di sesso femminile gli pare antibiblico, antimaschile. Ciò è senz’altro vero, ovviamente nella misura in cui il potere biblico e maschile è antifemminile:  si guardi dunque la ministra De Micheli dai profeti e dai cani.

Ma se Cangone è così affascinato da un Dio onnipotente certificato con le palle, perché ce l’ha tanto con i mussulmani? In fondo professano la stessa religione, come anche gli ebrei ortodossi; le differenze sono questioni folkloristiche, quisquilie di principio, puntigli di etichetta. Non si capisce perché non vada a vivere in Israele, o in Arabia Saudita, o negli Emirati, nel Pakistan rurale (grande cultura biblico-patriarcale il Pakistan rurale, provare per credere). Se è per il lambrusco, non deve preoccuparsi. Glielo mandiamo.

 

 

10 pensieri riguardo “Esercizio di tolleranza”

  1. Se bevesse qualcosa di più corposo del Lambrusco vedrebbe avvicinarsi a lui non un semplice collaboratore di De Micheli, ma Cavour in persona. Con l’amarone forse persino Federico II.
    Comunque secondo me era ubriaco marcio presso un cantiere e un operaio dell’ANAS lo ha redarguito.

    Piace a 2 people

  2. La vera domanda, la domanda a cui non ho risposta, è: perché scrive ‘ste cazzate? Perché, dai, non può non sapere che sono cazzate. Il fatto che siano speculari a certe cazzate del politicamente corretto non le scusa e non ne migliora la qualità. E’ chiaro che fa apposta, provoca. Ma perché? E’ un narcisista (ovvio) che non riesce in altro modo ad attirare l’attenzione su di sé? Lo disturbano (comprensibilmente) certi dispotismi del politicamente corretto e non ha i mezzi per una reazione differenziata? E’, semplicemente, di Parma? O il motivo, come suggerisci, è squisitamente etilico?
    Ma un interrogativo ancora più grosso mi tormenta: perché Il Foglio, quotidiano su cui scrivono anche persone intelligenti, pubblica masochisticamente questa rubrica di stronzate? Si assicura una quota di aderenti cerebrolesi? Ha sulla nuca il tallone di qualche vescovo?
    Mi piacerebbe tanto avere una risposta. Una risposta plausibile, intendo.
    Grazie per il commento e buona domenica!

    Piace a 2 people

  3. Mi lasci un’altra volta totalmente basita (anche se, come certo sai meglio di me, il retroterra politico – culturale in cui fioriscono tali male piante, di stampo ultracattolico con evidenti simpatie politiche e un sostegno attivo per l’estrema destra sta guadagnando, palmo a palmo, sempre più spazio, e dunque certi deliri non dovrebbero stupire più di tanto, ma, problema mio, non riesco a rassegnarmi). È più per il libro della Miriano, che resto sconvolta. Ero sicura, avendone letto il titolo non ricordo più dove, che si trattasse di un testo di denuncia. Povera illusa che sono. E ti confesso che non so se leggerlo, per capire le argomentazioni di una tesi comunque inaccettabile, o boicottarlo a prescindere.

    Piace a 1 persona

  4. Io il libro non l’ho letto. Pare che il contenuto sia più blando di quanto il titolo, volutamente provocatorio, sembra promettere. In ogni caso poi la Miriano ha pubblicato anche il complementare Sposala e muori per lei (e altri interessanti titoli che puoi trovare su internet). Io non li leggerò. Intanto, invecchiando, bisogna stare attenti a fare un uso oculato del proprio tempo; poi l’assunto di base è comunque che il Creatore ha stabilito le cose in un certo modo fin dal principio e che quello che noi possiamo/dobbiamo fare è adeguarci. Per quella che è la mia esperienza, le cose non stanno assolutamente così e questa gente è pericolosa.

    Piace a 1 persona

Rispondi a Giacinta Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...