DI LÀ DAL RIO

Douanier rousseau

 

Il rio è una spaccatura abbastanza profonda alle spalle della provinciale quando questa entra nel centro del paese. Le pareti vanno giù scoscese e sono piene di alberi altissimi e vecchissimi, certi sono inclinati o caduti. Ci sono molti uccelli e piccoli animali. Le case di qua dal rio sono grosse case indipendenti costruite dopo la guerra; si trovano nella confusione, nella polvere e nel rumore della provinciale. Le case di là dal rio sono vecchie, attaccate le une alle altre e danno su una stradina che si chiama San Pancrazio. Prima della guerra e anche subito dopo erano case di gente povera, comunisti rabbiosi, le più tremende le donne. Dall’altra parte della via San Pancrazio c’erano i campi; adesso ci sono delle case nuove, un paio di strade che si perdono nel nulla e qualche capannone. Le vecchie case dalla parte antica sono state restaurate; alcune, soprattutto le più interne, anche in modo costoso; tuttavia al borgo è rimasta un’etichetta di modestia se non di povertà.

Stante la particolarità delle costruzioni, a San Pancrazio non si è proprietari di una casa ma di un pezzo di casa, da terra a cielo. Un pezzo di casa ce lo comprò, più di vent’anni fa, il figlio di una famiglia che era venuta su dal Meridione. Era gente istruita, benestante. I genitori avevano venduto tutto nella città d’origine e avevano comprato in paese della roba buona: un grande negozio in uno stabile nuovo, un magazzino, un appartamento. Però gli affari del negozio, con gli anni, non andarono bene. Qualcuno disse che “non si erano posizionati bene”. Inoltre il settore conobbe, di lì a poco, una crisi che dura ancora. Dispiace perché sono persone aperte, oneste, leali; un po’ sognatori – intendo, con questo, ottimisti a oltranza. Dovettero vendere quasi tutto; rimase, al figlio, il pezzo di casa.

Rimane anche, da dire, (ma qui devo basarmi sui “si dice”) che poco dopo che la famiglia si era stabilita nel nostro paese questo figlio si innamorò della figlia di un notabile. Se sia vero e come sia andata di preciso non saprei; in ogni caso non ne uscì nulla e nella casa, a quel che so, continua a vivere solo.

La casa non è sulla strada, guarda a sud, verso il rio. Io la vidi dopo i primi restauri, quando già ci abitava: una larga facciata di sasso, dentro, a quanto ricordo, stanze piccole su tre o quattro livelli, scalette ripide. Finestre solo su un lato (degli altri tre, due sono attaccati alle case, il terzo muro ha un paio di feritoie). Nel cortile un rustico grande ma fatiscente. Oltre il rustico la scarpata. Tutto suo fino al rio.

La casa mi fece un’impressione di angustia; forse perché era larga di facciata ma poco profonda, aveva soffitti bassi, era presa fra edifici cadenti. Lui ne era molto soddisfatto. C’è da dire che una caratteristica dei membri di questa famiglia, per quello che li ho conosciuti, è di essere soddisfatti. Non smisero di essere soddisfatti nemmeno quando le cose, a vista di tutti, cominciarono a andare maluccio. In ogni ripiegamento a cui il peggiorare della situazione li costringeva sembrava vedessero soltanto il lato positivo – cioè, suppongo, che un ripiegamento era ancora possibile. Una qualità invidiabile, che vale da sola un capitale. Quanto invidiabile, l’ho scoperto l’altro giorno.

Ha fatto un lavoro per me e non ha voluto essere pagato, così ho pensato di portargli una piccola pianta in vaso per il cortile. In quasi vent’anni non avevo più visto la casa, o meglio qualche volta, passando, cercavo di sbirciare ma vedevo soltanto il muro laterale, cieco. L’altro giorno, superato il cancello di ferro e passato nelle sue mani il vaso con la pianta, mi sono guardata intorno: la facciata di sasso stuccato, con un rettangolo di intonaco giallo, è una meraviglia; il cortile è raccolto, senza leziosaggini, come i cortili di una volta; il rustico è sanato, voglio dire i muri sono solidi e i solai rifatti con vecchie travi e vecchi assiti. Per chiudere l’apertura del fienile ha costruito un grande portale a giorno, perfetto; qui ha trasferito il magazzino e il laboratorio. Lo spiazzo dietro al rustico mi ha fatto vedere con orgoglio che negli anni è cresciuto di almeno due metri grazie agli sfalci, alle potature, ai detriti di materiali naturali che ha gettato nella scarpata. Ha fatto tracciare una pista che scende con un paio di curve fino al rio. In questo mese di luglio il rio sembra una giungla del Doganiere Rousseau.

Ho cercato di descrivere quello che ho visto ma c’è qualcosa che sfugge, ed è ciò che ti fa desiderare di sederti al tavolino di ferro in un angolo del cortile, vicino al muro di confine, con la ruggine che smangia un po’ la vernice e di starci un po’, di starci bene. Certo, già per il suo lavoro il padrone di casa ha un occhio preciso per quello che sta e quello che non sta; qui non c’è nulla che “non stia”, e soprattutto quello che “sta” (e sta molto) è stato realizzato nel tempo con una disponibilità economica limitata: questo crea la distanza impagabile fra la sua perfezione e le fontane di marmo con pesci e piante acquatiche nella zona nobile del paese. Ma non è ancora questo, o non è ancora tutto.

Quello che fa la differenza, che fa di questo posto un posto quasi magico; quello che si respira una volta oltrepassato il cancello e ti fa desiderare di fermarti un po’, è la soddisfazione.

2 thoughts on “DI LÀ DAL RIO”

  1. bellissimo testo. Vorrei veder quella casa e magari aspirare un po’ di soddisfazione .Le case si nutrono di soddisfazione, di cura, di sole.potessero diffonderla sarebbe meglio.

    Mi piace

    1. Meglio immaginarsela a partire dal testo… La casa esiste e sussiste più o meno come l’ho descritta, ma le impressioni sono volatili e si conservano meglio nelle parole che nelle cose. Buona giornata e grazie per la lettura e per il commento!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...