WUNDERKAMMER, 1

Walter Lambiase, Natura morta con libro e conchiglia
Walter Lambiase, Natura morta con libro e conchiglia

“Verso le cinque del mattino fui svegliato da uno strano fracasso, come se fuori dalla mia porta fossero in corso contemporaneamente ventiquattro indiavolate partite di biliardo. Mi affacciai alla veranda che dava sull’oceano e vidi la spiaggia coperta di grosse conchiglie che si muovevano abbastanza rapidamente verso il mare, urtandosi fra loro a causa dell’affollamento e producendo l’effetto sonoro delle biglie d’avorio mandate a cozzare le une contro le altre.”

I diari di viaggio del Capitano Adam Seamus O’Connell, Cork 1782

 

GASTEROPODI

Rimane la conchiglia nei bazàr;

Ha ancora nell’orecchio lo schioccare

Di quando l’alba li spingeva al mare

Sulle spiagge di Kenia o Zanzibàr.

 

Conche robuste più del benzoàr!

Sonore all’urto che le fa ballare,

Che fanno i gasteropodi a marciare

Sulle risacche di Madagascàr!

 

Sono finite qui nell’arenato

Museo, smussate ai bordi e quasi finte,

spesse alla vita come dame anziane

 

Dall’incarnato pallido un po’ enfiato.

Un pittore le ritrasse con tinte

Di cipria fra volumi e melagrane

 

E rare porcellane.

Questo ricordo gli sorride amabile

Nel mezzo della loro vita immobile.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...